IN THE MORNING YOU ALWAYS COME BACK

Cesare Pavese dixit




NON CAMBIARE UN ATTIMO



Siediti accanto. Raccontami la storia
un'altra volta. Un'altra sera. Un'altra vita.
Ci vuole non dimenticare le parole,
i disegni nati dalle mani,
gli infimi ed straordinari tremori
della voce.
Chiudo gli occhi per vederti meglio.
Voglio le pause, le virgole, gli accenti
esattamente appesi al loro filo,
in aria.
Imparai a nuotare,
nonostante il legno
ed il terrore.
Trovai la fiamma persa
nella notte costante,
a tastoni in un ventre
di balena.
Mi saresti mancato, lo sapeva.
Fino in fondo sapeva
che non avrei potuto
riscattarti.
Ed insisteva, ostinata, e ti pregava
di non cambiare un attimo
quel ordine, quei gesti, quel percorso.
Sono tatuati in me.
Ti porto dove vada.
Guardo il mare in silenzio,
su questa spiaggia vuota.
Il filo sventola ancora.
Raccolgo il tuo viso,
lo accarezzo e lo lascio
andare via in acqua.

2 commenti:

Lizzy ha detto...

Questi ricordi tuoi cara Pinocchia, sono come sogni per me. Sogni di cui mi piace fare ricordi cuando ti ho letto e provo dopo qualche giorni a trovare le parole, le sensazione, le line della tua mano.

Lizzy ti ricorda con questi sogni e alcuni altri; Lizzy ti pensa molto cuando qualcuno le parla di Pinocchio; Lizzy ama molto questo racconto, e le ragione, anche se sono diverse delle tue, comprendono anche il sogno, quello di questo ricordo tuo, di une parole più vivace che nessun concetto non adatto ai nostri sogni.

Abbraccio fortissimo.

Pulgarcito soñador ha detto...

Es tan lindo y tiene tanta música. Creo que voy a amar tu blog.

L'ORIGINE DEL COSMO

L'ORIGINE DEL COSMO
YVES KLEIN

VERRÀ LA MORTE E AVRÀ I TUOI OCCHI


C. Pavese dixit